Ulti Clocks content


"Noi siamo sempre a mani vuote: Gesù Eucaristia ce le riempie" (D. Carlo De Ambrogio)

"Chi vuol donare amore, deve egli stesso riceverlo in dono" (S.P. Benedetto XVI)

"L'amore è luce" (D. Carlo De Ambrogio)

"Chi non rischia la disfatta non otterrà mai la vittoria" (D. Carlo De Ambrogio)

"Gesù è un mendicante di amore" (D. Carlo De Ambrogio)

"Devi essere nella gioia e devi comunicare gioia" (D. Carlo De Ambrogio)

"Se vuoi coltivare la pace, custodisci il creato" (S.P. Benedetto XVI)

"Il Rosario è ‘arma’ spirituale nella lotta contro il male" (S.P. Benedetto XVI)

"L'agire di Dio è sempre un disegno di amore" (D. Carlo De Ambrogio)

"Nel mondo sei costretto ad affrontare ogni sorta di battaglie: la tua vittoria è Gesù" (D. Carlo De Ambrogio)

"Cammina sempre con la tua mano nella mano di Gesù" (D. Carlo De Ambrogio)

"Maria è il fiore di Nazareth, la pace di Dio" (D. Carlo De Ambrogio)

"La sapienza dell'uomo è nell'ubbidire a Dio" (D. Carlo De Ambrogio)

"Diventate grandi se siete capaci di fare della vostra vita un dono agli altri" (S.P. Benedetto XVI)

"Non abbiate paura, aprite, anzi spalancate le porte a Cristo!" (Beato Giovanni Paolo II)

"Sei chiamato a fare una scoperta stupenda: conoscere, penetrare, sondare l'Amore di Dio per te" (D. Carlo De Ambrogio)

"Aggràppati alla roccia incrollabile della Parola di Dio" (D. Carlo De Ambrogio)

"L'amore non è una cosa che si puo insegnare, ma è la cosa più importante da imparare" (Beato Giovanni Paolo II)

"In questo cammino verso la terra promessa del Cielo, non sei solo: Colui che ti ama è con te" (D. Carlo De Ambrogio)

"La preghiera del mattino apre gli occhi del cuore a vedere Dio negli avvenimenti della giornata" (D. Carlo De Ambrogio)

"Lascia che Dio irrompa nella tua vita come un torrente in piena" (D. Carlo De Ambrogio)

"Vi auguro di poter trovare un amico, un amico che si chiama Gesù Cristo" (Beato Giovanni Paolo II)

"Solo la parola di Dio è solida" (S.P. Benedetto XVI)

"Il perdono non è mai negato a chi è umile di cuore" (D. Carlo De Ambrogio)

"Il perdono è amore dello spirito" (D. Carlo De Ambrogio)

"Occorre essere uniti a Gesù come il tralcio alla vite" (D. Carlo De Ambrogio)

"Più il vostro amore attingerà allo Spirito e più aumenterete la sua onda" (D. Carlo De Ambrogio)

"La vera gioia è Dio" (D. Carlo De Ambrogio)

"Gesù è colui che cerca i perduti" (D. Carlo De Ambrogio)

"Egli ti ama da sempre e ti ama così come sei" (D. Carlo De Ambrogio)

"L'eroismo della fede deve formarsi tra le difficoltà" (D. Carlo De Ambrogio)

"Nei momenti di maggior dolore, Maria viveva di preghiera" (D. Carlo De Ambrogio)

"Chi crede nel Cristo è già nella luce" (D. Carlo De Ambrogio)

"L'amore vero è sempre umile amore" (D. Carlo De Ambrogio)

"Prendete in mano la vostra vita e fatene un capolavoro" (Beato Giovanni Paolo II)

"Annuncia a tutti la gioia del perdono" (D. Carlo De Ambrogio)

"Non abbiate paura del futuro perché il futuro siete voi!" (Beato Giovanni Paolo II)

"Le vittorie contro noi stessi ci daranno il Regno" (D. Carlo De Ambrogio)

Se io scaccio i demòni con il dito di Dio, allora è giunto a voi il regno di Dio PDF

alt[15]Ma alcuni dissero: «E' in nome di Beelzebùl, capo dei demòni, che egli scaccia i demòni». [16]Altri poi, per metterlo alla prova, gli domandavano un segno dal cielo. [17]Egli, conoscendo i loro pensieri, disse: «Ogni regno diviso in se stesso va in rovina e una casa cade sull'altra. [18]Ora, se anche satana è diviso in se stesso, come potrà stare in piedi il suo regno? Voi dite che io scaccio i demòni in nome di Beelzebùl. [19]Ma se io scaccio i demòni in nome di Beelzebùl, i vostri discepoli in nome di chi li scacciano? Perciò essi stessi saranno i vostri giudici. [20]Se invece io scaccio i demòni con il dito di Dio, è dunque giunto a voi il regno di Dio. [21]Quando un uomo forte, bene armato, fa la guardia al suo palazzo, tutti i suoi beni stanno al sicuro. [22]Ma se arriva uno più forte di lui e lo vince, gli strappa via l'armatura nella quale confidava e ne distribuisce il bottino.  [23]Chi non è con me, è contro di me; e chi non raccoglie con me, disperde.   [24]Quando lo spirito immondo esce dall'uomo, si aggira per luoghi aridi in cerca di riposo e, non trovandone, dice: Ritornerò nella mia casa da cui sono uscito. [25]Venuto, la trova spazzata e adorna. [26]Allora va, prende con sé altri sette spiriti peggiori di lui ed essi entrano e vi alloggiano e la condizione finale di quell'uomo diventa peggiore della prima».

(Lc 11, 15-26)

 

Gesù è il più forte

Gesù stava cacciando un demonio muto. Quando il demonio fu uscito, il muto parlò e le turbe rimasero ammirate. Ma alcuni dicevano: «È per mezzo di Beelzebul, principe dei demoni, che egli caccia i demoni».

Dopo di avere parlato di Dio e del suo Regno, ecco presentarsi Satana. Gesù scaccia da un muto lo spirito immondo: il muto può parlare. I nemici affermano che egli ha ricevuto quel potere dal capo dei demoni; ma Gesù li confuta con due pensieri semplicissimi. Il primo è che Satana è troppo intelligente per combattere contro se stesso e distruggere il proprio regno. Per di più i Farisei praticano gli esorcismi e mai salta loro in testa di pensare che essi lavorano al servizio del diavolo. Il secondo motivo è il seguente: Gesù caccia il demonio col dito di Dio. L’espressione «dito di Dio» significa lo Spirito Santo. La Santissima Trinità è talvolta rappresentata sotto forma di «braccio, mano, dito». Il dito non può agire senza la mano, né la mano senza il braccio. Lo Spirito Santo procede dal Padre e dal Figlio. Se in Gesù agisce lo Spirito di Dio, è segno che il Regno di Dio è in lui.

Poi Gesù illustra con una parabola il suo potere su Satana. Quando un palazzo è difeso da un uomo armato, può penetrarvi dentro solo chi è più forte, che riesca a disarmano. Satana è il forte che fa la guardia a tutto il mondo; ma quando arriva Cristo, più forte di lui, ne viene sconfitto.

Gesù ha vinto Satana; nonostante questo egli lascia ancora a Satana un ampio margine di azione. Satana è come un cane legato al guinzaglio; può sbranare solo gli uomini che imprudentemente gli si avvicinano. Però Satana agisce attraverso i suoi complici. L’uomo quindi è sempre in rischio e in pericolo. Ecco perché San Pietro diceva che il demonio è «come un leone che ruggisce e gira sempre attorno». Lo spirito cattivo, uscito dall’anima, dopo aver errato per il deserto, torna là dove è stato scacciato e porta con sé altri sette spiriti; se riesce a rioccupare ciò che aveva perduto, rende peggiore la situazione. Il cristiano non è per nulla sottratto  al pericolo; è la sua prova.Quanto più l’uomo si avvicina a Dio, tanto più Satana dirige contro di lui i suoi attacchi. Cristo avverte: «Chi non è con me, è contro di me; chi non raccoglie e non lavora con me, disperde». Ognuno è chiamato a optare. Non può restarsene neutrale.

 


Powered by Joomla!. Designed by: Free Joomla 1.5 Theme, cc top level domain. Valid XHTML and CSS.

Find us on Facebook
Follow Us