Ulti Clocks content


Gesù di Nazareth.Dall’ingresso in Gerusalemme alla risurrezione PDF

altNel suo "Gesù di Nazareth.Dall’ingresso in Gerusalemme alla risurrezione", Benedetto XVI riprende il cammino tracciato nel suo precedente volume Gesù di Nazareth, soffermandosi su alcune tappe fondamentali, come l’ingresso in Gerusalemme, il discorso escatologico, la lavanda dei piedi, la preghiera sacerdotale, l'Ultima Cena, il Getsemani, la crocifissione,  la resurrezione e l'ascenzione. All'interno di tale sentiero hanno destato una particolare attenzione alcuni passaggi, quali, per esempio, l'accusa di deicidio e la realtà della resurrezione, che di seguito riportiamo.

«Domandiamoci anzitutto: chi erano precisamente gli accusatori? Chi ha insistito per la condanna di Gesù a morte? Nelle risposte dei Vangeli vi sono differenze su cui dobbiamo riflettere. Secondo Giovanni, essi sono semplicemente i "Giudei". Ma questa espressione in Giovanni, non indica affatto, come il lettore moderno forse tende ad interpretare, il popolo di Israele come tale, ancor meno essa ha un carattere razzista. In definitiva Giovanni stesso, per quanto riguarda la nazionalità, era israelita, ugualmente come Gesù e tutti i suoi. L'intera comunità primitiva era composta da israeliti. In Giovanni tale espressione ha un significato preciso e rigorosamente limitato: egli designa con essa l'aristocrazia del tempio. Cosi nel quarto Vangelo il cerchio degli accusatori che perseguono la morte di Gesù è descritto con precisione e chiaramente delimitato, si tratta, appunto, dell'aristocrazia del tempio».

«Se si considera quale importanza, in base al racconto della creazione e al Decalogo, il Sabato ha nella tradizione veterotestamentaria, allora è evidente che solo un evento di un potere sconvolgente poteva provocare la rinuncia al Sabato e la sua sostituzione mediante il primo giorno della settimana. Solo un evento che si fosse impresso nelle anime con forza straordinaria poteva suscitare un cambiamento così centrale nella cultura religiosa della settimana. Semplici speculazioni teologiche non sarebbero bastate per questo. Per me, la celebrazione del Giorno del Signore, che fin dall’inizio distingue la comunità cristiana, è una delle prove più forti del fatto che in quel giorno è successa una cosa straordinaria – la scoperta del sepolcro vuoto e l’incontro con il Signore risorto».

 

- Benedetto XVI (2011) Gesù di Nazareth - Dall’ingresso in Gerusalemme alla risurrezione, 
 Libreria Editrice Vaticana, Roma.

 

Powered by Joomla!. Designed by: Free Joomla 1.5 Theme, cc top level domain. Valid XHTML and CSS.

Find us on Facebook
Follow Us